Dischi diamantati: sai come usarli in sicurezza?

Quando si progettano una serie di lavori per la ristrutturazione di un’abitazione o per la costruzione da zero di una casa, si spera sempre che vada tutto liscio, ma quasi mai è così.

Nel momento in cui si passa dalla teoria alla pratica si cominciano a incontrare piccoli e grandi problemi. Se non sono evitabili, diventa indispensabile sapere come affrontarli.

Questo articolo prende in considerazione quei lavori edili in cui vengono utilizzati i dischi diamanti, quindi si parlerà di tutti gli inconvenienti che sopraggiungono quando si tagliano laterizi, muri in cemento armato, piastrelle in gres e ceramica, tubazioni, marmi, graniti e altre pietre.

Su quali macchinari si montano i dischi da taglio diamantati?

L’elettro utensile più usato per tagliare da chi lavora nell’edilizia forse è la smerigliatrice angolare. I piastrellisti e i muratori la utilizzano comunemente per tagliare e sagomare piastrelle, mattoni e altre superfici (muri, pavimenti, cornicioni).

La smerigliatrice è molto versatile, ma per impieghi più specifici esistono macchinari studiati appositamente.

Per creare le tracce in cui corrono gli impianti elettrici e idraulici si usa un macchinario particolare che si chiama scanalatore.

Per tagliare superfici ampie e spesse vengono usate mototroncatrici, tagliamuri, taglierine.

Quando si usa uno di questi macchinari su cui viene montato un disco diamantato è di fondamentale importanza essere cauti e seguire le norme per la sicurezza.

Problemi nell’utilizzo di dischi diamantati

I tipi di problemi a cui si può andare incontro quando si usano macchine utensili con dischi diamantati posso riguardare l’incolumità dell’operatore e il corretto funzionamento dell’attrezzatura.

È obbligatorio mettere al sicuro se stessi o chi si ha attorno quando si usa una macchina che può tagliare ferro e cemento come fossero burro.

Partendo dall’abbigliamento di chi esegue il taglio, le cose davvero fondamentali sono:

  • Occhiali protettivi
  • Scarpe da lavoro
  • Guanti
  • Mascherina
  • Cuffie o protezioni per le orecchie

Durante il taglio con dischi diamantati si generano polveri e rumore, possono essere proiettate schegge e possono cadere pezzi pesanti. Non bisogna mai dimenticare di prevenire eventuali danni a occhi, mani, piedi, udito e apparato respiratorio.

Passando ai problemi che possono avere gli utensili diamantati e i macchinari, dobbiamo fare una serie di operazioni per poi lavorare con tranquillità.

Le parti delle macchine che trasmettono la rotazione al disco devono essere controllate con cura. Se albero e cuscinetti non presentano gioco, quasi sicuramente l’utensile diamantato girerà senza oscillazioni (a meno che non abbia deformazioni dell’anima o del foro).

Sembrerà scontato, ma è meglio sottolineare che bisogna scegliere con cura il disco diamantato a seconda del materiale che vogliamo tagliare. Inoltre si deve fare attenzione al senso di rotazione e alla velocità. Queste informazioni si trovano sia sulla confezione sia impresse direttamente sull’utensile.

Prima di installare il disco da taglio sulla smerigliatrice angolare (o altra macchina) è consigliabile verificare che non ci siano fessure nell’anima e danni alla corona diamantata.

Per lavorare serenamente è meglio acquistare dischi diamantati come quelli di Workdiamond, fabbricati attraverso metodi all’avanguardia, che garantiscono alte prestazioni e problemi quasi nulli.

In conclusione, si può dire che quando si usano utensili diamantati è importante che siano di qualità, ma si devono anche utilizzare tutti i mezzi di protezione e fare attenzione.