Perché rivolgersi a un avvocato del lavoro?

Uno scenario in continuo mutamento: il mondo del lavoro oggi

Il contratto di lavoro stabilisce degli obblighi giuridici per i due contraenti che sono il lavoratore e il datore di valoro. Oggi i rapporti di lavoro sono molto cambiati rispetto al passato e non è rara aver bisogno dell’aiuto professionale di un avvocato a Milano del lavoro. Sono inclusi nel diritto del lavoro anche la previdenza sociale nonché i rapporti con i sindacati. Una difficoltà che molti incontrano nell’esercizio del proprio lavoro è il continuo mutamento del diritto del lavoro, con aggiunte di tipologie di contratti nuovi e non sono. I governi che cambiano di continuo spesso mettono mano alla contrattualità possibili per definire i rapporti tra lavoratore e datore e per fare chiarezza potrebbe esser utile un consulto con un avvocato del lavoro. Il motivo di tali mutamenti è da ricercarsi nel fatto che il lavoro influenza moltissimo l’aspetto socio economico e può esser visto in modo diverso da parte dei politici di un partito piuttosto che un altro. Insomma, in questo scenario così mutevole affidarsi a un avvocato a Milano del lavoro è l’unico sistema per vedere tutelati i propri diritti e no sottoscrivere vere contratti con clausole inique.

La Costruzione: la base del diritto al lavoro

È la Costituzione, l legge più importante del nostro ordinamento, che definisce la Repubblica fondata sul lavoro, mettendo subito in chiaro che l’importanza del lavoro è centrale. La Repubblica si fonda sul lavoro che è un diritto inviolabile e anche un dovere inderogabile. Il lavoro viene interpretato come l’unico modo per dare dignità al cittadino, che conquista con il lavoro anche la sua libertà. La Costituzione identifica il lavoro come unico mezzo per il progresso materiale ma ne dà anche una accezione spirituale della società intera. È poi l’art. 36 della Costituzione a tutelare il diritto ad esser retribuiti per la quantità e la qualità dell’opera di lavoro prestato. La retribuzione deve esser sufficiente a garantire un’esistenza dignitosa e libera.