Nel 2009 Bitcoin si è affacciato per la prima volta nel mercato, facendo la fortuna di tutti quegli investitori che credettero sin da subito nelle potenzialità un strumento finanziario sconosciuto fino ad allora.

Da quel momento le criptovalute hanno letteralmente rivoluzionato il mondo del trading online, alzando giorno dopo giorno l’asticella delle prestazioni ottenibili attraverso l’utilizzo della tecnologia blockchain.

Insieme alla diffusione delle monete digitali si è diffuso anche il concetto di mining, una parola che deriva dal verbo inglese “to mine”. In Italia spesso al posto del verbo “to mine” si utilizza il verbo “minare”, ma in effetti la traduzione più corretta sarebbe “estrarre”.

Il mining di criptovaluta è infatti caratterizzato da tutta una serie di procedure tecniche complesse che, da un certo punto di vista, richiamano all’estrazione di materie prime come, ad esempio, l’oro o le pietre preziose. Com’è facile intuire, le operazioni di mining sono storicamente ad appannaggio di pochissimi esperti del settore.

Per quanto riguarda la compravendita della valuta digitale, è interessante notare come le ultime innovazioni legate al mondo della criptovaluta puntino a democratizzarla, ad esempio semplificando l’accesso ad investimenti in crypto per i trader. Da questo punto di vista, bitcoin up è una delle più recenti novità del settore, un sistema tutto nuovo per fare trading sui BTC.

Come funziona Bitcoin Up

Bitcoin Up nasce con l’obiettivo di consentire anche ai trader meno esperti di investire in Bitcoin: un risultato che viene raggiunto grazie a un trading bot, ovvero a un robot di trading automatico.

Bitcoin Up sfrutta dunque un’intelligenza artificiale costruita su algoritmi automatici, che riescono ad aiutare l’investitore durante una seduta di trading in criptovalute. La piattaforma scansiona i mercati finanziari e successivamente lavora per moltiplicare di N volte il deposito iniziale dell’utente.

Il sistema aiuta il trader a individuare le operazioni più adatte al suo profilo: sulla carta consente dunque di investire in Bitcoin sia andando long che andando short. La piattaforma può dunque orientarsi verso la compravendita diretta di criptovaluta, così come può optare per la firma di strumenti finanziari come i CFD, ovvero i Contratti Per Differenza.

Iniziare a usare Bitcoin Up è tecnicamente semplicissimo: una volta compilato il form apposito con i propri dati personali, basta accettare i termini e le condizioni previste per attivare il proprio account. Dopodiché la piattaforma collega l’utente a uno o più broker e, una volta effettuato il primo deposito, è subito possibile iniziare a fare trading.

Utilizzo, affidabilità e sicurezza

L’algoritmo proprietario di Bitcoin Up può venire utilizzato sia da desktop che da mobile: questo vuol dire che il trader può investire in criptovalute a prescindere dal luogo in cui si trova.

Allo stesso modo, può effettuare depositi e/o prelievi attraverso modalità e sistemi differenti: carta di debito, carta di credito, bonifico bancario, ma anche e-wallet e/o crypto-wallet. Bitcoin Up permette di operare in massima trasparenza grazie alla tecnologia DLT, che consente di monitorare tutti gli aspetti finanziari della propria utenza in tempo reale.

La società si impegna inoltre a tutelare i dati sensibili dei suoi utenti e a proteggerli da eventuali attacchi hacker. A proposito di sicurezza, va infine sottolineato come Bitcoin Up, ad oggi, sia stato segnalato dalla Consob, ovvero l’organo nazionale di controllo sui mercati finanziari, nel gennaio del 2021.

La piattaforma è inoltre stata segnalata dalla CNMV spagnola e dalla FCA britannica, ma non ci sono sentenze passate in giudicato che diano indicazioni definitive sulla sua inaffidabilità. Da questo punto di vista, l’invito è ovviamente a procedere con prudenza, ricordando che Bitcoin Up non presenta licenze per operare.

Di Grey