Questi sono 5 esercizi che aiutano gli anziani a contrastare le perdita di memoria che peggiora di anno in anno.

  1. La parole crociate

Una persona anziana al mattino si dovrebbe far accompagnare in edicola dalla badante Roma per acquistare un rivista di enigmistica. Tutti i giochi di logica ed enigmistica sono ottimi per la memoria. In particolare, meglio concentrarsi sulle parole crociate che hanno ottimi benefici.

  1. La lettura del giornale

Dopo aver preso l’enigmistica preferita dal giornalaio, meglio aggiungere anche un giornale o una rivista. La lettura, meglio se ad alta voce, fa miracoli sulla memoria. Una brava badante Roma dovrebbe poi chiedere quali sono le notizie principali costringendo l’anziano a un lavoro di ricordo di quanto letto e successiva rielaborazione di quanto letto.

  1. Ricordare 5 parole al giorno

Al mattino fatti dire cinque parole a caso dalla badante Roma e vedi se poi te le ricordi una volta che si è fatta sera. È un piccolo esercizio che può sembrare banale ma per le persone che hanno problemi di Alzheimer e memoria è più complicato di quanto possa sembrare: provare per credere!

  1. Che cosa hai cucinato ieri

Piccoli esercizi di memoria sono di grande aiuto per le persone anziane che soffrono di Alzheimer. Può sembrare una cosa davvero banale ma chiunque potrebbe avere difficoltà nel ricordare aioni ripetitive che si compiono ogni giorno. Dire che cosa c’era in tavola martedì a cena o giovedì a pranzo è più complicato di quanto possa sembrare e richiede uno sforzo di memoria non indifferente, ideale per chi ha problemi in tal senso.

  1. Imparare qualcosa di nuovo

Imparare qualcosa di nuovo è di enorme aiuto alle cellule celebrali. Può trattarsi di un gioco da tavolo da fare con i nipoti, di un gioco di carte o qualcosa di più complicato. La cosa migliore sarebbe cimentarsi con l’uso della tecnologia tra smartphone e computer. Imparare una lingua straniera durante la terza età è difficile ma ha vantaggi sulla memoria.

Di Grey